.
Annunci online

Una sigaretta con d'IO
GIOVANI&GIOVANI MENO
post pubblicato in diario, il 31 marzo 2012



       http://youtu.be/bDmvVilFeVQ   "Io freak, io abnorme, io capriccio, io mostro, io alieno, io diversa, io non così".


      http://youtu.be/F6sWC1VmJkY   sympatheia, letteralmente "patire insieme" e "provare emozioni con..."

Mondo vecchio, mondo simpatico.

Lui che ogni giorno "patisce" i tuoi drammi piccoli e delicati e si siede lì vicino, lì sul bordo, dove scegli di precipitare o farti vanto di uno strepitoso equilibrio. Che "Son dalla tua parte".
Mondo brizzolato e le rughe sulla fronte. "Ho riso, ho pianto, ho gridato prima di te e ora insieme".
Mondo che ripete "giovani" e ancora "per i giovani" e "Coraggio giovani". http://www.primocanale.it/video/bono-se-ci-saranno-nuove-navi-vanno-a-sestri--45690.html
Mondo che "Dobbiamo concentrarci sui giovani".
Come un'ammissione detta sottovoce. "Vecchi, sì, siamo vecchi e abbiamo tanta paura. Ma guardate, ci sono i giovani".
Giovani tutti.
Chi per età e chi perchè a cinquant'anni ha ancora delle bellissime gambe. Chi per indole e chi perchè non perde i capelli sul cuscino. Giovani nel vestire e giovani nel sorridere. Giovani perchè "Posso mangiare quello che voglio, ho uno stomaco di ferro". Ma anche giovani perchè "Come ti capisco, anche io...". Giovani perchè sognatori o ancora giovani perchè precari, senza lavoro, anticonformisti. Un "forever young" che vale sempre e comunque.
Tutti camminando "al passo". Al passo con briglia.
Briglia e lancette. Tempi da frustino, bastone e carota.
Generazioni nate tra i banchi di scuola che si perdono una volta esaurito il libretto delle giustificazioni.
Generazione del "a 18 anni vado via di casa". Il punto esclamativo uguale per tutti. Chi prima e chi dopo. E chi dopo "Bhè, sei sfigato o cosa?".
Casa.
Cose.
Eppure, siamo tutti giovani in questo paese
che non ti concede il tempo di invecchiare. E per questo si odia.
Si disprezza a tal punto che, per invecchiare, cerca una colpa. Il calcio in culo che "Giovani, visto? C'è posto per voi".
Giovani di ieri a cui è negato il diritto di diventare grandi.
Giovani di oggi a supplicare "Fatti un po' più in la, puoi?"
Giovani distratti perchè "Abbiamo tutto il tempo del mondo". Già. Il mondo che detta il tempo. Scandisce bene la "G" quando parla di un presente giovane. Presente che rimane sempre dove sta e "Avanti il prossimo".
Parole che prima o poi (prima o poi decidi tu) non ti riguardano più. "Non sto parlando con te".
Non più.
Vecchiaia non contemplata. "Perchè io son vecchio?"
No
No
No
"Meno giovane".
Vecchi a fare i giovani e giovani a sentirsi vecchi.
"Così vedo come si sta".
E che bello poter dire: "Voglio diventare vecchia....", se hai solo 23 anni, no?

http://youtu.be/QB-ApsY7_8M

http://youtu.be/ADrKoVdLiUQ




Sono quelli che "hanno deciso di non aspettare": trecentosessanta under 30 che hanno cambiato il mondo e che, nelle prossime decadi, ne diventeranno i padroni. Tra rivoluzionari e innovatori, uomini e donne, sconosciuti e celebrità, la lista di giovani talenti pubblicata sul sito della rivista americana è quanto mai eterogenea.

I lettori sono stati la vera anima del progetto "30 under 30": hanno proposto i nomi dei papabili - migliaia, poi ridotti da una giuria ai 360 attuali - e sono loro che, tramite un sondaggio, sceglieranno i trenta finalisti che compariranno sulle pagine del numero speciale della rivista, previsto per febbraio. «Le aziende dovrebbero assumerli subito» scherza Michael Noer di Forbes, «o altrimenti in pochi anni si troveranno a dover lavorare per loro».

La lista affianca vere e proprie star a geni ancora semi-sconosciuti. Ci sono ovviamente Mark Zuckerberg (27), fondatore di Facebook, David Karp (25) di Tumblr e Kevin Systrom (28) di Instagram, la nota applicazione fotografica per gli smartphone. Ci sono poi tanti giovani che ricoprono ruoli importanti nel giornalismo e nell'editoria: Daniel Fletcher, ad esempio, classe 1987, direttore del settore "Social Media" di Bloomberg News e di Businessweek.

Nella musica il potere è donna: Adele, 23 anni, Rihanna, 23 e Lady Gaga, 25, si sono spartite la testa delle classifiche di vendita quasi ininterrottamente negli ultimi dodici mesi. I lettori di Forbes hanno segnalato anche trenta ricercatori che, con le loro scoperte, stanno rivoluzionando la scienza: per esempio Daniela Witten, che a ventisette anni ha progettato un'intelligenza artificiale che decifra velocemente il genoma umano, rilevando le malattie congenite con un risparmio enorme di denaro. Tante anche le giovani eccellenze nel campo immobiliare e della finanza, così come in politica: Ronan Farrow, a soli 24 anni, è stato nominato Consigliere speciale per le problematiche giovanili presso il Dipartimento di Stato americano.

Non mancano, infine i giovanissimi: ancora teenager, ma già in grado di dire la loro a livello internazionale. Non solo il baby fenomeno del pop Justin Bieber (17) o l'attore Jaden Smith (13), figlio di Will Smith, ma anche tanti ragazzi saliti alla ribalta senza beneficiare di particolari trampolini commerciali. Javier Fernandez-Han, ad esempio, inventore di Versatile, un sistema che utilizza alghe per depurare il liquame ottenendo metano ad uso combustibile.

Oppure Robert Nay, a quindici anni già amministratore delegato della sua azienda, la Nay Games: quest'anno ha programmato Bubble Ball, un gioco per telefonino che è stato scaricato oltre nove milioni di volte. O ancora Tavi Gevinson, a quindici anni già conosciutissima per via del suo blog di moda Style Rookie e l'hacker Nicholas Allegra, 19 anni, unico al mondo a riuscire a oltrepassare i firewall degli Iphone. La sua è una storia a lieto fine: la Apple, venuta a sapere delle capacità del ragazzo, ha seguito alla lettera il consiglio di Michael Noer e, senza pensarci due volte, l'ha assunto.

L'unica nota stonata arriva dalla mancanza di Italiani. In nessuno dei dodici settori analizzati da Forbes - arte e design, energia, spettacolo, finanza, cucina ed enologia, politica, media, musica, mercato immobiliare, scienza, social media e tecnologia - figurano infatti nostri concittadini. Se da un lato era prevedibile che ciò accadesse, dal momento che Forbes e i suoi lettori sono in larga parte americani, dall'altro è un dato che deve far riflettere, visto che nell'elenco appaiono anche altri europei (soprattutto francesi e inglesi).

Fatichiamo a credere che in Italia non esistano under 30 eccellenti nei rispettivi campi, come e anche più dei coetanei d'oltreoceano. Ce ne sono sempre stati e sempre ce ne saranno. Forse però, come fa notare Luca De Biase in un intervento sul Sole-24ore, i giovani italiani «non hanno tutte le condizioni ideali per farsi conoscere all'estero. E questo è un vero insegnamento: per fare la storia, oggi, occorre connettersi al contesto internazionale. Non necessariamente per emigrare. Ma per sviluppare i propri talenti in modo libero dalle costrizioni di un paese vecchio e poco orientato a valorizzare l'iniziativa giovanile, la strada è giocare sul terreno internazionale».

( Fonte: www.linkiesta.it) gennaio 2011 


                  



 


Sfoglia febbraio        maggio
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv